Berlusconi, incubo di una notte di mezza estate, tutta colpa di Shakespeare [vignetta]

La geniale trovata di Shakespeare, è quella di affidare a un folletto pasticcione l’incarico di far innamorare alcuni politici utilizzando un filtro magico: la confusione, gli scambi di persona, gli accoppiamenti sbagliati, i contrattempi e i rimedi improvvisati sono esilaranti e non precludono il lieto fine, come in ogni favola che si rispetti.

L’incubo della locandina riprende i lanci d’agenzia e ne rispetta l’intricata trama. L’intervento di Vendola, un po’ sopra le righe (spariglierò il centrosinistra), ricorda la Commedia dell’Arte (il guitto Chiappa dilaga) è divertente.
La fotografia della situazione, caricata come la recitazione, ricrea atmosfere magiche.
La musica con sottofondo di vuvuzela (non è quella di Apicella) culla l’incubo del sognatore con la più popolare aria del melodramma italiano (Vota Antonio).
Il bosco della locandina appare ridicolmente circoscritto, non convince l’ambientazione improvvisata in quel di Arcore: assomiglia troppo alla scenografia di un “Sogno di una notte di mezza estate” recitato in un teatro parrocchiale, con i protagonisti (Vendola, Grillo, Di Pietro e Fini) che fino a ieri s’impicciavano a vicenda, si scontravano invece di incontrarsi e fingevano di non vedersi e non sentirsi, girandosi le spalle (questo sì, un vero incubo per chi conta su di loro per dare la sveglia al ducetto di Arcore), iniziando con due colpi da KO: conflitto d’interessi e riforma elettorale.

 

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

6 thoughts on “Berlusconi, incubo di una notte di mezza estate, tutta colpa di Shakespeare [vignetta]

  1. Anonimo zerbino di Berlusconi, deduco che hai il pane ma non hai i denti per mangiarlo.

  2. come si usa dire,dopo la tempesta torna sempre il sereno,spunta nel cielo l'arcobaleno,gioia dell'anima, speranza nei cuori,quando berlusconi ne resterà fuori, e non ci scasserà più i co,,,,ni,lui e suoi lumaconi. ha tutti coloro che si uniranno, per disfarsi del nano,con la sua armata brancaleone da arcore. in quel di milano, dopo la sua dipartita, ci potremmo trovare, con il popolo ha festeggiare, e quel giorno nei secoli tramandare, lo scampato pericolo da ricordare. NESSUNO1°

  3. 8 agosto 2010

    Felice compleanno, Patt!
    Tantissimi auguri e baciotti*
    Ecco qui la torta per te:-)

Lascia un commento