Berlusconi dice no a Famiglia Cristiana

Berlusconi dice no a Famiglia Cristiana: "Non sono un curato di campagna, ho solo bisogno di cure e non intendo sottopormi all’intervista parallela con monsignor Romano Prodi".

Guglielmo Nardocci, articolista del settimanale cattolico, spiega che non è stato possibile ospitare l’intervista al presidente Berlusconi, per una scelta non dipendente dalla redazione.
"Avevamo concordato tutto con il suo portavoce, l’onorevole Paolo Bonaiuti, già a metà marzo. Venerdì 31 marzo abbiamo rinnovato la richiesta, con un fax, nel quale fissavamo per domenica 2 aprile il termine ultimo per l’intervista con l’onorevole Berlusconi". 

***

Per la cronaca, la risposta beffarda via fax a Famiglia Cristiana è arrivata questa mattina (5 aprile 2006):
"Stasera sarò ospite in solitario in una trasmissione di Mediaset (gioco in casa), preferisco farmi intervistare dai diavoli rossi (giornalisti di sinistra, scelti personalmente da me) e non da quelli dell’acqua santa, (che mi volevano benedire) scelti da voi. Cristianamente, farò in questo modo, così non violerò la par condicio".

Update: qualcuno ha fatto la voce grossa e all’ultimo momento Berlusconi ha rinunciato alla trasmissione in solitario di questa sera.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Berlusconi dice no a Famiglia Cristiana

Lascia un commento