Attenzione alla carenza di folato, il danno non può essere riparato

Il nuovo studio riguardo alla divisione cellulare e alla replicazione del DNA ha evidenziato che la carenza di folato crea più problemi di quanto si pensasse in precedenza. I ricercatori incoraggiano le persone a essere più consapevoli del livello di folato nel sangue.
Il folato è un tipo di vitamina B che si trova, ad esempio, in broccoli, spinaci, piselli, funghi, frutti di mare e frutta come banane e melone. L’autorità sanitaria danese raccomanda alle donne incinte e alle donne che cercano di rimanere incinta di assumere un supplemento giornaliero di acido folico.
Ying Liu professore associato del Centro di stabilità cromosomica presso il dipartimento di medicina cellulare e molecolare dell’Università di Copenaghen, autore dello studio pubblicato su PNAS, ha detto:
«Tutti, non solo le donne incinte e le future donne incinte, dovrebbero concentrarsi su questa vitamina. Il problema con la carenza di folati è che influisce sul mantenimento del cromosoma, la cellula una volta che ha perso un cromosoma o parte di esso, non può mai essere riparata, in seguito non è possibile risolvere consumando molto acido folico. Il danno procurato è irreversibile.
Pertanto, nella popolazione in generale abbiamo bisogno di una linea guida che ci dica quale dovrebbe essere il livello di folato nel sangue, una volta che abbiamo questa conoscenza, possiamo determinare se una persona ha bisogno d’integratori di acido folico per assicurarsi che il livello nel sangue sia abbastanza alto da permettere alle cellule di riprodurre con successo il DNA».
Il campione di sangue può determinare il livello di folato nel sangue. I ricercatori anche se sanno da molti anni che la carenza di folati è associata a malattie mentali, demenza senile e deformazione del cervello e del midollo spinale dei feti, noti anche come difetti del tubo neurale, non sono stati in grado di stabilire la causa, cioè se la carenza di folati procura direttamente i disturbi o se i disturbi deriva dall’effetto secondario della carenza di folati.
I ricercatori per rispondere a questa domanda, hanno studiato i linfociti, un tipo di globuli bianchi, ottenuto dagli uomini. Ying Liu ha detto:
I risultati sono applicabili anche alle donne. E’ stata analizzata la parte del genoma chiamato Fraxa, contiene una vasta sequenza del codice genetico CGGG. E’ stato visto che la carenza di folato ha causato anomalie in connessione con la divisione cellulare, mitosi, soprattutto nelle cellule con una sequenza CGGG anormalmente lunga. Tra le altre cose, ha causato la segregazione difettosa dei cromosomi. Inoltre è stato visto come l’intero cromosoma X è diventato instabile nei casi di lunga esposizione a carenza di folati.
Nello studio, dimostriamo che la carenza di folati porta a livelli più elevati di anomalie cromosomiche e a livelli più dannosi rispetto a quelli in precedenza conosciuti. Ciò fa sì che le cellule figlie ereditino la quantità errata di DNA dopo la divisione cellulare o, in alcuni casi, perdano persino un intero cromosoma, questo potrebbe spiegare perché la carenza di folati è associata a malattie come l’infertilità, disturbi mentali e cancro».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →