Aspirina per combattere una costosa infezione killer globale

La ricerca condotta dal Centenary Institute di Sydney ha individuato un nuovo obiettivo per il trattamento della tubercolosi resistente ai farmaci: gli scienziati hanno scoperto che il batterio della tubercolosi dirotta le piastrine dal sistema di coagulazione del sangue del corpo per indebolire il nostro sistema immunitario.
La tubercolosi è ben lungi dall’essere sradicata in tutto il mondo, infetta ancora oltre 1.400 persone all’anno in Australia. La tubercolosi resistente agli antibiotici è particolarmente mortale e costosa da trattare (fino a 250.000 dollari per curare un singolo caso in Australia).
Gli scienziati del Centenary Institute hanno lavorato su nuovi metodi di trattare la tubercolosi aumentando l’efficacia del sistema immunitario. I ricercatori utilizzando il modello zebrafish della tubercolosi (il piccolo pesce zebrafish è senza dubbio uno dei vertebrati maggiormente utilizzati come modello in vivo per studi di genetica e biologia dello sviluppo), applicando la microscopia a fluorescenza, hanno osservato l’accumulo di coaguli e l’attivazione di piastrine attorno ai siti d’infezione (vedi supporti video 1 e video 2).

Video 1 – Le piastrine verdi zigzagano attorno al sistema vascolare di un embrione di zebrafish, alcune piastrine si attaccano ai macrofagi rossi infettati da batteri blu.

Video 2  – Versione ingrandita del video 1 con vasi sanguigni visibili. Piastrine verdi attaccate ai vasi sanguigni rossi accanto a siti d’infezione da batteri blu. Le piastrine patogene sono le cellule verdi che si attaccano ai batteri per alcuni minuti.

Il dott. Stefan Oehlers, responsabile del laboratorio d’interazioni immunomuscolari-vascolari del Centenary Institute di Sydney, afferma: «Lo zebrafish ci dà una visione letterale dei processi della malattia osservando le cellule che interagiscono in tempo reale».
I ricercatori seguendo la loro intuizione che queste piastrine fossero state ingannate dall’infezione nell’intralciare il sistema immunitario del corpo, hanno trattato le infezioni con farmaci anti-piastrinici, compresa l’aspirina ampiamente disponibile. Sono stati in grado di prevenire il dirottamento e consentire al corpo di controllare meglio l’infezione.
La dottoressa Elinor Hortle, autrice principale del lavoro pubblicato su The Journal of Infectious Diseases del laboratorio d’interazioni immunitario-vascolari del Centenary Institute di Sydney, ha detto:
«E’ questa la prima volta che le piastrine in un modello animale, sono state osservate nell’aggravare la tubercolosi. Si apre la possibilità che i farmaci anti-piastrinici possano essere usati per aiutare il sistema immunitario a combattere la tubercolosi resistente ai farmaci.
Ci sono oltre 1,2 milioni di australiani che vivono con la tubercolosi latente, una forma non infettiva di tubercolosi che li mette a rischio di svilupparla attivamente.
Il nostro studio fornisce prove più decisive che l’aspirina ampiamente disponibile potrebbe essere utilizzata per trattare i pazienti con grave infezione da tubercolosi e salvare vite umane».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →