Apple addolorato per la ragazza morta folgorata da una scarica elettrica del suo iPhone 5

Apple ha avviato un’indagine urgente di sicurezza per il suo iPhone 5, dopo il decesso di una giovane ragazza di ventitreenne, rimasta folgorata mentre rispondeva a una chiamata in Cina.
La famiglia di Ma Ailun, ex assistente di volo della China Southern Airlines, ha detto che la giovane è crollata a terra in casa quando ha preso il suo smartphone. La giovane stava progettando di sposarsi l’8 agosto, è stata ricoverata nell’ospedale in Xinjiang (Cina nord-occidentale) ma i medici non sono riusciti a rianimarla.
Yuelun, fratello di Ma Ailun, intervistato da Apple Daily ha detto che sua sorella è morta per una scarica elettrica mentre rispondeva a una chiamata. Il telefono cellulare e gli accessori sono stati consegnati alle autorità cinesi.
Yuelun poi su Weibo, il più importante social network cinese, ha scritto:
«Voglio avvertire tutti di non fare chiamate quando il telefono cellulare è in ricarica. La mamma ha detto che l’iPhone 5 è stato comprato lo scorso anno nel mese di dicembre in un negozio ufficiale Apple. L’incidente si è verificato con un caricabatterie originale mentre il cellulare era sotto carica».
Apple, produttore dello smartphone, ha detto di aver avviato un’indagine approfondita, ha aggiunto:
«Siamo profondamente addolorati di apprendere di questo tragico incidente, offriamo le nostre condoglianze alla famiglia».
I popolari siti di chat cinesi chiamati Weibos, sono stati inondati di messaggi che invitano gli utenti iPhone a non fare chiamate durante la ricarica dei loro cellulari. Molti hanno consigliato di utilizzare solo caricabatterie originali ed evitare di collegare quelli falsi, copie a buon mercato che sono ampiamente disponibili.
I prodotti Apple molto popolari in Cina sono rapidamente clonati da organizzazioni che producono copie di cellulari, computer portatili, iPad e iPod, che sono spesso difficili da distinguere dagli originali.
I telefoni cellulari relativamente hanno una bassa potenza elettrica compresa tra i 3 e 5 volt, molto meno dei 36 volt necessari per far sentire la scossa a una persona. Gli esperti dicono che se il caricabatterie o il circuito ha un problema, come un filo rotto, si può andare incontro a uno shock di 220 volt.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →