Anomalie cerebrali scoperte nei pazienti con sindrome da affaticamento cronico

Fino a quattro milioni di americani sperimentano la sindrome da affaticamento cronico (CFS), sono periodi di estrema stanchezza della durata di almeno sei mesi. Michael Zeineh della School of Medicine della Stanford University, autore principale di uno studio pubblicato su Radiology ha scoperto che i pazienti con CFS nel cervello hanno una ridotta quantità di materia bianca, così come le anomalie sia nella sostanza bianca e grigia dell’emisfero destro.
La sindrome da affaticamento cronico (CFS) notoriamente è difficile da diagnosticare, poiché i sintomi sono oscuri e potrebbe applicarsi a molti altri disturbi, anche se i sintomi possono essere intensi e ridurre fortemente la qualità della vita, è difficile definire la CFS come colpevole.
Jose Montoya autore senior dello studio, in un comunicato stampa ha detto:
«La CFS è una delle più grandi sfide scientifiche e mediche del nostro tempo, i suoi sintomi spesso includono non solo la fatica opprimente, ma anche dolori articolari e muscolari, mal di testa, intolleranze alimentari, mal di gola, ingrossamento dei linfonodi, problemi gastrointestinali, eventi anomali di pressione sanguigna e del battito cardiaco, e ipersensibilità alla luce, al rumore o altre sensazioni».
I ricercatori sono stati coinvolti in studio a lungo termine di 200 pazienti con CFS, nella speranza di sviluppare nuove efficaci terapie. Michael Zeineh ha aggiunto:
«Questa ricerca è stata difficile, perché la malattia in precedenza non aveva evidenziato marcatori fisici che il farmaco sarebbe in grado di colpire. Ci siamo chiesti se l’immagine cerebrale poteva evidenziare qualcosa di concreto che differisce tra i pazienti con CFS e il cervello delle persone sane. E, curiosamente, l’ha fatto».
Infatti, il team in comune ha trovato tre punti critici tra i cervelli dei pazienti di CFS che li distinguono da quelli senza il disturbo. E’ interessante notare che l’intensità delle anomalie del cervello è correlata con l’intensità della loro condizione.
Le persone con CFS rispetto agli individui sani hanno una minore quantità di materia bianca nel cervello. La sostanza bianca è costituita da fibre nervose, aiutano a collegare i neuroni nella materia grigia, in realtà elaborano le informazioni. La CFS è creduta essere associata a infiammazione, potrebbe causare questo effetto.
Il team ha anche creduto che la materia bianca nell’emisfero destro del cervello appare anormale nella regione del lobo frontale e lobo temporale chiamata fascicolo arcuato. Il lobo frontale ha una vasta gamma di funzioni, tra cui la dopamina utilizzata per regolare l’attenzione, la motivazione e la ricompensa. Il lobo temporale è responsabile per l’elaborazione delle informazioni sensoriali, la memorizzazione di ricordi, e il controllo delle emozioni. Il fascicolo arcuato oltre alla sostanza bianca anomala, ha anche dimostrato di avere ulteriore materia grigia nei pazienti con CFS rispetto ai soggetti sani».
Jose Montoya ha aggiunto:
«Oltre a fornire il potenziale biomarcatore diagnostico specifico per la CFS disperatamente cercato da decenni, questi risultati promettono di identificare la zona o le zone del cervello in cui la malattia ha dirottato il sistema nervoso centrale».
Michael Zeineh ha concluso:
«Lo studio ha fornito molti dati al team di ricercatori, ulteriori analisi sono necessarie al fine di confermare i risultati. I ricercatori dovranno comprendere appieno il meccanismo alla base di queste anomalie prima che potenziali trattamenti possano essere esplorati. Lo studio è solo un inizio, ci mostra, dove guardare».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento