Amsterdam, alcolisti pagati con la birra per pulire le strade

Alle nove del mattino in un capannone dietro a una casa di Amsterdam, un gruppo di alcolisti con birra e sigaretta in mano sono sempre pronti a pulire le strade circostanti.
Gli uomini per una giornata di lavoro ricevono 10 euro (circa 13 dollari), una mezza bustina di tabacco di rotolamento e, soprattutto, cinque lattine di birra: due per iniziare la giornata, due a pranzo e una per il dopo il lavoro.
Gerrie Holterman dirige il progetto Rainbow Foundation, finanziato dallo Stato e donazioni olandese, ha detto:
«Questo gruppo di alcolisti cronici stava causando un fastidio all’interno del Oosterpark di Amsterdam: risse, schiamazzi, commenti sgradevoli per le donne. L’obiettivo è di tenerli occupati in qualcosa, in modo che non possano causare più problemi al parco.
Gli alcolisti sono divisi in due gruppi di circa dieci persone, ogni gruppo lavora tre giorni la settimana. L’approccio fantasioso al problema del comportamento antisociale dimostra il tipico pragmatismo olandese, che potrebbe essere scioccante in altri paesi, ma non qui».
La giornata inizia intorno alle 09:00, i lavoratori prima di andare a pulire le strade se lo desiderano possono bere due birre e un caffè.
Gerrie Holterman osserva attentamente il consumo di birra di ogni persona seduta a un grande tavolo, ma vi è un clima di fiducia: se è chiamato da qualcuno e deve andare via, gli stessi alcolisti annotano quanto hanno bevuto.
Frank, quarantacinque anni, indossa un pettorale fluorescente di uno spazzino, ha un sacco della spazzatura in mano. E’ stato in prigione per violenza, non ha mai lavorato per nessuno, senza fissa dimora, un po’ fatalista ha detto:
«Credo di poter parlare in nome del gruppo e dire che se non ci avevano dato le birre non saremmo venuti, abbiamo bisogno di alcol per funzionare, questo è lo svantaggio dell’alcolismo cronico».
La squadra torna al capannone per il pranzo, ricevono due birre e un pasto caldo prima di partire di nuovo per il turno pomeridiano. La giornata di lavoro si conclude con una birra finale intorno alle 15:30.
Gerrie Holterman ha sottolineato:
«E’ un vantaggio per tutti, gli alcolisti non sono più nel parco, bevono meno, mangiano meglio e hanno qualcosa per essere impegnati durante il giorno. I tossicodipendenti da eroina possono andare al tiro a segno, quindi perché non dovremmo dare anche la birra a queste persone?».
I partecipanti al progetto lo fanno volontariamente, dicono di essere felici. Un alcolizzato che ha chiesto di non essere nominato ha detto:
«Il progetto rende la nostra vita più organizzata». Frank ha aggiunto: “Molti di noi non sanno cosa sia, quindi questo è un bene per noi».
Le persone che vivono nel quartiere hanno apprezzato l’iniziativa, salutano gli addetti alle pulizie quando li vedono al lavoro:
«Invece di annoiarsi e disturbare nel parco stanno facendo qualcosa di utile», ha detto una donna che si trovava sulla sua porta di casa.
Le opinioni degli alcolisti impegnati nel progetto differiscono su quanto il lavoro può aver inciso sul consumo delle bevande alcoliche. Vincent, quarantotto anni, ex fornaio ha detto:
«Quando torno a casa, dopo una giornata impegnativa, non ho necessità di bere. Ci sentiamo anche soddisfatti, un lavoro ben fatto, diamo un contributo alla società, nonostante il nostro vizio di bere. La cosa buona è che anche la birra che ci danno è leggera, ha un tasso alcolico del 5%, non 11% o 12% come quello delle birre che ho sempre bevuto».
Frank è più scettico, ha detto:
«Certo beviamo in modo più organizzato, ma non credo che si beva meno perché quando finiamo il lavoro, andiamo al supermercato e trasformiamo in birre i 10 euro che abbiamo guadagnato. E quando il gruppo non funziona, le vecchie abitudini ritornano, alle 08:00 orario d’apertura del supermercato, siamo sempre i primi a comprare qualcosa da bere».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento