Allucinazioni lillipuziane è questo l’effetto spaventoso causato dalla Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie

La Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie (AWS), nota anche come sindrome di Todd o allucinazioni lillipuziane, è un disturbo neurologico che alterata la percezione visiva. La condizione può causare diversi tipi di distorsioni dimensionali e morfologiche: gli oggetti appaiono più piccoli, più grandi, più vicini o più lontani di quello che realmente sono. Si ritiene che il 10 per cento della popolazione sperimenti questi effetti, almeno una volta nella vita.

Sintomi della Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie
Ci sono molti sintomi collegati alla Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie (AWS), ma nessuno di loro avviene contemporaneamente. Ogni sintomo è separato, avviene solo per un periodo da cinque a 20 minuti di tempo. Ognuno di questi sintomi, purtroppo può essere il risultato di un problema completamente diverso:
micropsia (gli oggetti appaiono più piccoli del normale);
teleopsia (gli oggetti appaiono più lontani di quello che sono);
macropsia (gli oggetti appaiono più grandi del normale);
metamorfopsia (le linee rette appaiono ondulate, deformate o spezzate);
pelopsia (gli oggetti appaiono più vicini di quello che sono).

Cause della Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie
AWS avviene per un breve periodo, ciò rende difficile per i medici trovare la causa. Il National Center for Biotechnology Information (NCBI), tra le possibili cause indica:

– trauma alla testa;
emicrania;
– infezione;
tumori cerebrali;
– encefalomielite acuta disseminata.

Trattamento della Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie
Non esiste un trattamento per la Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie. Il modo migliore per trattare questa condizione è aiutare il paziente, ad esempio, se il problema è causato da emicrania (il sintomo distintivo della sindrome è quasi sempre l’emicrania, ed è in parte da questa causata. Chi soffre di Sindrome di Alice nel Paese delle Meraviglie (AIWS), presenta un apparato visivo privo di lesioni, infatti, la sindrome implica un disturbo nella percezione e non una patologia visiva), il tentativo più comune per il trattamento è una profilassi dell’emicrania seguita da una dieta per l’emicrania, comprende cibi innocui e quelli da evitare:

Cibi innocui
– riso, specialmente integrale;
– verdure verdi cotte, come broccoli, spinaci, bietola da coste, cavolo riccio;
– verdure di color arancio cotte, come carote e patate dolci;
– verdure di colore gialle cotte, come zucca;
– frutta cotta o cruda, non della famiglia degli agrumi: ciliegie, mirtilli, pere, prugne (ma non agrumi, mele, banane, pesche o pomodori);
– acqua: naturale, o addizionata di anidride carbonica, come la Perrier, va bene;
– sostanze aromatizzanti: modeste quantità di sale, sciroppo d’acero ed estratti di vaniglia sono in genere ben tollerati.

Cibi da evitare
– latticini (inclusi latte vaccino scremato e intero, latte di capra, formaggio, yogurt, ecc.);
– cioccolato;
– uova;
– agrumi;
– carne (inclusi manzo, maiale, pollo, tacchino, pesce, ecc.);
– frumento (pane, pasta, ecc.);
– noci e nocciole;
– pomodori;
– cipolle;
– mais;
– mele:
– banane.