Algeria – Sardegna è la nuova rotta dell’immigrazione clandestina

Poco più di 280 chilometri di acqua mediterranea separa Annaba la città portuale algerina dal Sulcis, sulla costa sud-occidentale della Sardegna. L’attenzione (mentre l’Italia continua a reprimere le rotte di traffico che collegano la Libia alla Sicilia) si sta spostando verso nuove rotte. El Watan sito algerino versione in lingua francese ha riferito che il governo regionale sardo preoccupato per l’aumento degli arrivi sull’isola, ha promesso di porre fine all’immigrazione clandestina dall’Algeria con la conversione di un’ex prigione in un centro di  controllo e accoglienza.
I migranti provenienti dall’Algeria a differenza dei rifugiati che arrivano dalla Siria e da altre zone di guerra, non possono chiedere asilo in Italia, devono rimpatriare entro sette giorni dal ricevimento di un avviso di espulsione delle autorità italiane.
La Nuova Sardegna riporta che dal 1° gennaio 2017 sono arrivati in Sardegna 1.200 algerini attraverso sbarchi diretti e non controllati; nel 2016 con analoghi modi erano sbarcati nell’isola 1.106 algerini.
I funzionari sardi dell’ufficio immigrazione hanno detto che mentre l’80% dei migranti algerini sono intercettati al loro arrivo, il meccanismo che consente a chiunque di non chiedere asilo, permette di evitare i centri di accoglienza: «In questi casi sono avviate le procedure di rimpatrio, i destinatari dovrebbero attendere in stato di detenzione all’interno dei centri specializzati. Purtroppo questi centri non erano disponibili, gli algerini che ricevevano il foglio di espulsione con l’ordine di lasciare l’Italia entro sette giorni, spesso approfittavano per prendere un traghetto per la terraferma, e poi andare altrove in Europa».
Nella settimana di tempo che ogni ospite indesiderato ha a disposizione per fare i bagagli e ritornare sui suoi passi, però, può succedere qualsiasi cosa, come nel caso di Bachir Hadjadj – un 36enne sospettato di terrorismo, espulso dal Belgio a maggio, è tornato in Europa attraverso la Sardegna: utilizzando come documento proprio il foglio di via è salito sulla nave che collega Cagliari con Civitavecchia. Episodio collegato a un possibile utilizzo della Sardegna come rampa di lancio per l’Europa di possibili terroristi, per questo il presidente della Regione, Francesco Pigliaru, più volte aveva chiesto l’intervento del ministro degli Interni Marco Minniti per “garantire l’espatrio immediato” di chi rifiuta l’asilo.
Il Ministero dell’Interno lo scorso ottobre ha ufficializzato la realizzazione del Centro regionale di permanenza e rimpatri nell’ex carcere di Macomer. La struttura subirà una sorta di trasformazione, per renderlo allo stesso tempo sicuro e umanizzato, affinché possa garantire non solo la dignità degli ospiti ma anche la sicurezza della popolazione.
Molti cittadini – rappresentati dalle minoranze in consiglio comunale -, con una lettera indirizzata al sindaco Antonio Succu, hanno ribatito che le decisioni definitive sull’utilizzo dell’ex carcere di Macomer debbano essere in ogni caso lasciate ai cittadini attraverso un referendum.