Alcune bibite e caramelle senza zucchero possono provocare la carie

Le bevande e caramelle senza zucchero tradizionalmente rappresentano meno pericolo per i denti, ciò è stato smentito da un nuovo studio dell’Università di Melbourne condotto con i ricercatori di Oral Health CRC, hanno misurato i danni causati allo smalto dentale da bevande analcoliche, bevande sportive e caramelle senza zucchero. Hanno testato 23 diversi tipi di bevande, comprese le bevande analcoliche e bevande sportive, hanno scoperto che le bevande che contengono additivi acidi e con livelli di pH bassi causano danni misurabili allo smalto dentale, anche se la bevanda è senza zucchero.
La carie è causata da acidi, dissolvono i tessuti duri dei denti, iniziano con gli strati superficiali dello smalto. I batteri nella bocca consumano zuccheri o carboidrati, producendo acidi, mangiare o bere cibi con meno zucchero dovrebbero ridurre la produzione di acido.
Il nuovo studio dell’Università di Melbourne ha confrontato diversi tipi di bevande, con e senza zucchero, trovando un’insignificante differenza misurabile nelle carie che provocano.
Il dottor Eric Reynolds, professore presso l’Università di Melbourne e CEO di Oral Health CRC, in un comunicato stampa ha detto:
«Molte persone non sono consapevoli del fatto che, riducendo l’assunzione di zucchero non riduce il rischio di carie, il mix chimico degli acidi in alcuni cibi e bevande può causare la condizione altrettanto dannosa di erosione dentale, avviene quando l’acido dissolve i tessuti duri del dente. Nelle sue fasi d’erosione colpisce gli strati superficiali dello smalto dei denti. Lo stadio avanzato può esporre la polpa dentale all’interno del dente».
I ricercatori hanno testato 23 tipi di bevande su 70 molari umani, per monitorare i cambiamenti di durezza dello smalto sui denti ha utilizzato “La prova di durezza Knoop” un test per la meccanica di durezza utilizzato per i materiali molto fragili o fogli sottili.
I ricercatori sull’effetto dannoso sullo smalto nel complesso hanno trovato poca differenza tra le bevande con e senza zucchero, comprese le acque minerali aromatizzate con bevande a base di acqua e latte. La maggior parte delle bevande ha causato il rammollimento dello smalto dentale tra il 30 e il 50 per cento.
Le bevande sono state testate in due gruppi. In primo luogo, i ricercatori hanno confrontato 15 bevande disponibili nelle scuole australiane, tra le bevande vendute con e senza zucchero, tutte hanno mostrato di provocare la carie, con l’eccezione del latte. Poi hanno confrontato la Coca-Cola, e diversi tipi di bevande sportive. La Coca-Cola, di gran lunga, ha causato più carie, e il decadimento. Gatorade, Powerade, e Staminade, in forme liquide e in polvere, tutti hanno causato il decadimento. Le eccezioni erano Sukkie ed Endura, bevande contenenti più calcio.
I ricercatori hanno testato anche le confezioni senza zucchero, tra cui caramelle e prodotti da forno, trovando in 20 dei 32 prodotti nello studio livelli di acidità simile alle bevande senza zucchero. Tra i più dannosi le confezioni aromatizzate alla frutta, in particolare quelle al gusto di limone.
I ricercatori in conclusione hanno indicato come limitare i danni ai denti:
– sostituire più spesso le bevande acide con l’acqua, ponendo maggior attenzione agli ingredienti come l’acido citrico (numero ingrediente 330) e fosforico (numero ingrediente 338), particolarmente indicativi di rischio per il decadimento;
bere più acqua (preferibilmente fluoro) e limitare le bevande analcoliche e bevande sportive;
– dopo aver mangiato o bevuto prodotti acidi, per evitare di danneggiare lo smalto, non lavarsi subito i denti, invece, sciacquare la bocca con acqua e attendere un’ora prima di lavarsi;
– avere regolari check-up con professionisti della salute orale.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento