Agenti di sicurezza in incognito sui voli andata e ritorno Stati Uniti-Cuba

La ripresa dei voli commerciali delle compagnie aeree tra gli Stati Uniti e Cuba, ha destato molta agitazione, dietro le quinte c’è stato molto attrito per il livello di sicurezza fornito dagli aeroporti di Cuba per i voli verso gli Stati Uniti. Il Transportation Security Administration (TSA), l’agenzia governativa statunitense, nata dopo gli eventi dell’11 settembre 2001, come soluzione parziale a queste preoccupazioni, ha annunciato che metterà gli “sceriffi dell’aria” a bordo di molti voli.
TSA in una dichiarazione all’US-Cuba Trade and Economic Council ha detto:
«Gli Stati Uniti e la Repubblica di Cuba nello spirito di migliorare la sicurezza dell’aviazione civile internazionale, hanno stipulato un accordo di sicurezza dell’aviazione che stabilisce il quadro giuridico per il dispiegamento su taluni voli da e verso Cuba di agenti di sicurezza degli Stati Uniti, più comunemente noti come “Sceriffi federali dell’aria“: per motivi di sicurezza, non è rivelato in quali voli saranno a bordo».

Solo un palliativo
Il deputato repubblicano Michael McCaul del distretto congressuale del Texas, Presidente del Comitato della Camera per la Sicurezza Nazionale, a parte il linguaggio colorito, in una dichiarazione ha detto che gli sceriffi dell’aria sono solo un palliativo:
«L’accordo per consentire sceriffi federali a bordo dei voli tra gli Stati Uniti e Cuba anche se è un passo positivo, gli americani dovrebbero avere gravi preoccupazioni circa il livello di sicurezza in vigore in qualsiasi aeroporto straniero, dove il governo locale rifiuta la visita di uomini politici americani.
La presenza di sceriffi dell’aria non cambia il punto che il governo cubano ha, almeno finora, rifiutato il permesso ai legislatori degli Stati Uniti di visitare il paese per valutare la sua sicurezza aeroportuale. Il governo cubano ha rifiutato il visto per il deputato repubblicano Michael McCaul e altri legislatori che nel mese di giugno avevano progettato una visita all’isola di Cuba.
Cuba un tempo era una popolare destinazione per i dirottatori, ciò che interessa a Michael McCaul e gli altri è che Cuba non sia utilizzata da terroristi come un punto d’imbarco per entrare negli Stati Uniti.
Gli aeroporti internazionali devono soddisfare i requisiti della TSA per lo screening dei passeggeri, il controllo bagagli, la spedizione delle liste dei passeggeri, e tutte le altre misure per fornire garanzie di voli sicuri per gli Stati Uniti».

Membri del Congresso bloccati
Tre membri del Congresso, i repubblicani John Katko, Richard Hudson, e Henry Cuellar (quest’ultimo il mese scorso ha presentato un disegno di legge per bloccare i voli tra Stati Uniti e Cuba, fino ad ora senza esito), erano tra i membri del Congresso che nel mese di luglio non sono stati autorizzati a visitare Cuba.
Il repubblicano John Katko in una dichiarazione rilasciata prima dell’accordo che consente la presenza di agenti di sicurezza sui voli, aveva detto:
«Sono molto preoccupato per le capacità e i dispositivi dell’aeroporto di Cuba per lo screening e le procedure di controllo da parte del personale aeroportuale, e se gli sceriffi dell’aria” potranno essere autorizzati a volare in missione sugli aerei americani da e verso Cuba».
John Katko nella successiva dichiarazione a maggio ha aggiunto:
«Cuba ha una lunga strada da percorrere per soddisfare i requisiti di sicurezza per gli Stati Uniti, non possiede apparecchiature di rilevamento di tracce di esplosivi, ha solo due body scanner, e unità K9 male addestrata. In più, i voli da e per Cuba storicamente sono stati interessanti obiettivi per i terroristi e dirottatori».
I voli per Cuba sono programmati per riprendere il 31 agosto 2016 quando JetBlue Airways la compagnia aerea low-cost statunitense (opera voli nazionali e internazionali negli Stati Uniti e verso l’America centrale e i Caraibi), inizierà il regolare servizio di linea di oltre 100 voli giornalieri di andata e ritorno da Fort Lauderdale-Hollywood International Airport negli Stati Uniti a Santa Clara, Cuba.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento