Age of Internet Empires, ecco la mappa che illustra il sito più visitato in ogni paese

Dati
La mappa utilizza liberamente i dati disponibili recuperati da Alexa il 12 agosto 2013. Alexa fornisce analisi dei siti web dal 1996, raccoglie i dati provenienti da milioni di utenti Internet che utilizzano una delle oltre 25.000 differenti estensioni dei browser.
I dati utilizzati per questa visualizzazione sono stati calcolati “utilizzando una combinazione della media di visitatori unici giornalieri stimati a un sito e la stima del numero di pagine visualizzate sul sito dagli utenti in quel paese durante il mese scorso”.
I dati sono visualizzati come in una mappa choropleth (è una mappa geografica con le diverse regioni colorate in base ad un certo valore numerico), dove il colore indica il sito più visitato di ciascun paese. E’ evidente il predominio di due società (Google e Facebook), i cui colori (rispettivamente rosso e blu) coprono la maggior parte della mappa, in questo caso illustrata come una vecchia mappa coloniale (vedi), chiamata Age of Internet Empires (come il gioco al computer della serieAge of Empires).
La seconda mappa (vedi) illustra gli stessi dati, utilizzando il cartogramma esagonale della popolazione Internet 2011.

Giudizio
E’ evidente la supremazia di Google e Facebook su qualsiasi altro sito sul web. Vediamo anche un’interessante continuità geografica di questi due “imperi”.
Google è il sito più visitato in gran parte d’Europa, Nord America e Oceania. Facebook, invece, è il sito più visitato in gran parte del Medio Oriente e Nord Africa, così come gran parte delle Americhe di lingua spagnola.
La situazione è più complessa in Asia, dove due concorrenti locali sono stati in grado di resistere ai due grandi imperi americani. Baidu è ben noto come il motore di ricerca più utilizzato in Cina (in questo momento ospita la più grande popolazione al mondo di Internet con oltre mezzo miliardo di utenti). Allo stesso tempo, vediamo un fatto sconcertante, Baidu è anche indicato come il sito più visitato in Corea del Sud (in concorrenza con Naver il popolare motore di ricerca della Corea del Sud). L’ipotesi è che l’impero Baidu può essere visto in un processo di espansione di là dal suo territorio tradizionale.
I restanti territori sono stati inglobati in due grandi imperi, includono Yahoo! Giappone in Giappone (in join venture con SoftBank) e Yahoo! A Taiwan (dopo l’acquisizione di Wretch).
Il giornale online Al-Watan Voice è il sito più visitato nei Territori palestinesi. Il servizio di posta elettronica Mail.ru è il più visitato in Kazakistan. Il social network VK è il più visitato in Bielorussia. Il motore di ricerca Yandex è il più visitato in Russia.
Alexa non fornisce molte informazioni su paesi dell’Africa sub-sahariana, tuttavia copre la maggior parte dei paesi che hanno una significativa popolazione Internet.
Il Kenya, Madagascar, Nigeria e Sud Africa rientrano nell’ambito dell’impero di Google, mentre il Ghana, Senegal e Sudan sono stati inglobati dentro il dominio di Facebook.
La potenza di Google su Internet diventa crudamente evidente quando si guarda anche al secondo sito più visitato in ogni paese. Tra i 50 paesi in elenco che hanno Facebook come il sito più visitato, 36 di loro ha Google come il secondo sito più visitato. I restanti 14 paesi hanno YouTube (in questo momento di proprietà di Google).
Google con oltre un miliardo di persone è il sito web più visitato per la metà di tutta la popolazione di Internet. Baidu in questa classifica è secondo grazie alla grande popolazione Internet di Cina e Corea del Sud, i due paesi contano più di mezzo miliardo di utenti Internet, mentre i 50 paesi in cui Facebook è il sito web più visitato con circa 280 milioni di utenti, pongono il sito di social network in terza posizione.

, , , , , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento