I dati trionfalistici comunicati dalle associazioni dei consumatori, riferiti all’alta percentuale di adesioni allo “sciopero della spesa” non mi ha convinto. Ho fatto una rapida verifica è ho trovato il vero motivo che ha determinato un così alto numero di italiani che questa mattina, tra le ore 09.00 e le ore 11.00 hanno “boicottato” i centri commerciali e involontariamente alterato i dati percentuali, comunicati in serata dalle associazioni dei consumatori. Tutto è stato causato da una incompleta notizia che i radiogiornali hanno dato con il primo notiziario mattutino. Senza precisare la città e il centro commerciale in cui stava accadendo il fatto, hanno detto che un folle, vestito da samurai, armato con una spada, rincorreva e tentava di colpire chi incautamente si accingeva ad entrare dentro ad un non precisato centro commerciale. Per questo motivo, oggi, un’alta percentuale di consumatori ha preferito non andare a fare la spesa, girando alla larga dai centri commerciali ed evitare in questo modo, ogni possibile contatto con il folle samurai.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

0 thoughts on “

  1. ho sistemato la faccenda immagini e ti ringrazio.
    Siete stati in cinque a scrivermi cosa non andava e tutti e cinque siete ufficialmente ringraziati sul mio blog in Sentiti Ringraziamenti – i Tecnici. Sono una persona precisa ;P
    Ciao!

  2. vedere uno con una tutina del genere….qualche dubbio sulle sue condizioni psichiche lo suscita 🙂 dovrebbe farlo anche a carnevale in Paolo Sarpi :))

  3. io ieri non ho comprato nulla… ma mi ero scordata che fosse il giorno dello sciopero… fiuuuu meno male!!!!

  4. Ciao Patt, io sono andata ugualmente al centro commerciale più grande della mia città, segretamente sperando in un incontro ravvicinato con il samurai, ma evidentemente non era qui così ho potuto fare la spesa. Ah e non ho nemmeno notato nessuna differenza di affollamento rispetto agli altri giorni… Mah!

  5. Lo so sono un rompicoglioni, ma perché sti giornalistucoli non chiamano il famoso spadone giapponese col suo nome e cioè KATANA?

  6. grazie per l’apprezzamento, ma non è proprio un blog ed è in costruzione, per ora va un po’ come va

  7. Ciao Patt! Vorrà dire che non andrò in un supermercato tedesco a fare la spesa. (Ho seguito i tuoi consigli circa le immagini slade). Buona Notte**

  8. Ciao, Patt.
    Ben pescata, la notizia. Comunque i giapponesi che seguono la religione Shintoista (sono ancora parecchi) hanno una spiegazione per questo genere di cose: credono infatti che le spade abbiano un anima, o meglio, che possano essere abitate in alcuni casi, dallo spirito inquieto di antichi guerrieri, che chiamano Amok. Per questo motivo un’antica superstizione vieta di esporre in pubblico una spada sguainata, perchè potrebbe attirare un Amok. In caso di possessione, l’Amok, che predilige giovani maschi, si comporta esattamente come il tipo dell’articolo…

  9. Ah, rispondo ad Aleandro: non è detto che una spada giapponese sia una Katana.
    Come tipologia il Tachi, spada classica, è molto più comune, e spesso si vedono anche Wazikashi, simili ma più corte.

Lascia un commento