Manovre empiriche

Ho (ri)contattato Elisabetta Gardini (portavoce di Forza Italia), per avere conferma di una notizia che ha dell’incredibile, il ritorno di  Giulio Tremonti.

«Elisabetta, è vero che è ritornato l’uomo dell’immaginario, dell’ipotesi del supposto, praticamente l’uomo che preferisce ai conti certi della calcolatrice, quelli più fantasiosi della sua "suppostiera"?».
«Mi cogli impreparata, se attendi una decina di minuti, contatto il mio farmacista, lui su questo argomento è molto "introdotto" e sa dosare le notizie, queste che noi supponiamo».
«Mentre attendo al telefono, volevo ascoltare un tuo parere su questo ritorno di Tremonti. Per quanto è accaduto precedentemente, pensi che il Tremonti, ha ben capito come usare la sua macchinetta?, tu che lo vedi spesso, supponi che continuerà a manovrarla allo stesso modo, con il rischio di procurarsi danni devastanti?».
«Il rischio è enorme. Conoscendolo bene, sono convinta che continuerà con quel tipo di manovre, anche perché sono incoraggiate da chi lo stima e lo coccola».
«E’ vero Elisabetta, la stima nei suoi riguardi, supera l’immaginario dell’ipotesi del supposto. Non a caso chi lo stima, l’ha nominato suo vice braccio destro. Ha scelto quel braccio destro di Tremonti, perché deve avergli dato dimostrazione di saperci fare con la "suppostiera", se nel breve periodo in cui è stato fuori dalla politica, il fido Giulio, da dietro le quinte, manovrando in modo cruento la sua suppostiera, è riuscito a fargli (ri)crescere un supposto strato di peluria in testa».

Per un approfondimento del farmacista sulla manovra in atto,  

È già un caso polititco la «metti supposte».
Sarebbe un attrezzo utilizzato da un ex ministro.
A rivelarlo è stato Elisabetta Gardini:
«La sorella di Tremonti mi ha raccontatoche il fratello si è comprato una macchinetta metti-supposte», ha raccontato la portavoce in pectore di Forza Italia. Aggiungendo:
«Certo, con una sorella così c’è da stare attenti visto che racconta tutto in giro». In effetti questo strumento pare sia molto in voga.
Chi non riesce ad utilizzare nel modo consueto la supposta può infatti ricorrere ad alcuni metodi alternativi.
Si tratta solitamente di persone disabili, oppure (ma è più raro) di persone che hanno paura e per questo non riescono ad inserire la supposta.
«Non è una cosa di poco conto – dice una farmacista -.
Chi ha paura irrigidisce i propri muscoli.
Il disagio psichico si unisce a quello fisico e un normale gesto quale è inserire una supposta diventa "un’impresa impossibile"».
Le alternative sono due. La prima sono i divaricatori.
Una sorta di pinzetta che serve per facilitare l’ingresso della supposta.
La seconda è un clistere: si utilizza il medicinale liquido.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

25 thoughts on “

  1. ciao….avevi ragione tu!

    Sono tornata da Firenze con un bagaglio emotivo considerevole e ho già scritto parecchio…Vedrai tra un po’… E’ stato magnifico, soprattutto Florentia by night..

    Bacioni***

    Claudia

  2. … il ritorno della suppostiera:(

    … la conferma della Moratti:(((

    ……. ecc…

    … il ritorno di Patt:)))))

  3. OT

    Buongiorno. Effettivamente ognuno ha i suoi palchi e palchetti e retropalchi. Al Regio di Parma, quando I PALCHI esistevano, ci si cenava tra un intervallo e l’altro. Buon XXV Aprile.

  4. uhauhauhuhauah! Ora capisco che vuol dire tre-monti…ruba di culo a pecora e zepelin in mezzo? Il ritorno di Tre-monti è peggio di provare una intera suppostiera…ma non era quello che voleva mettere i dazi doganali e fare la Banca del Sud? Ma a lui non gli fanno pagare un dazio per farlo rientrare in Italia dopo che ritorna da un viaggio all’estero?

Lascia un commento