Ricerca: Aggressivita’  di lui si legge da lunghezza dita

Dimmi quanto sono lunghe le tue dita della mano e ti diro’ chi sei [chi è?]. Si potrebbero sintetizzare cosi’ le conclusioni di uno studio canadese, dell’universita’ dell’Alberta. ”Gli uomini che hanno il dito indice piu’ lungo del mignolo sono piu’ aggressivi e rissosi”, [è vero, cerca sempre di gettare benzina sul fuoco], spiegano i ricercatori su Biological Psychology dopo aver misurato queste dita per 300 volte.
”La lunghezza delle dita, infatti – dicono Peter Hurd e Allison Bailey – e’ direttamente correlata all’esposizione della testa del feto al testosterone nel grembo materno”. [azz, allora questo è stato 9 mesi con la testa immersa nel testosterone? Adesso capisco].
Ora il team di scienziati sta rivolgendo le sue attenzioni ad altri soggetti simili che si cornificano a vicenda, praticando tra loro un gioco corretto e pieno di falli.

Per comprendere meglio
Ricerca: Aggressivita’ Di Lui Si Legge Da Lunghezza Dita
Roma, 4 mar. (Adnkronos Salute) – Dimmi quanto sono lunghe le tue dita della mano e ti diro’ chi sei. Si potrebbero sintetizzare cosi’ le conclusioni di uno studio canadese, dell’universita’ dell’Alberta. ”Gli uomini che hanno il dito anulare piu’ lungo dell’indice sono piu’ aggressivi e rissosi”, spiegano i ricercatori su Biological Psychology dopo aver misurato le dita di circa 300 studenti universitari. ”La lunghezza delle dita, infatti – dicono Peter Hurd e Allison Bailey – e’ direttamente correlata all’esposizione del feto al testosterone nel grembo materno”. Nelle donne, invece, dito indice e anulare sono della stessa lunghezza. Negli uomini, invece, l’anulare tende sempre a essere piu’ lungo dell’indice. Secondo ricerche precedenti, la lunghezza delle dita, e precisamente la simmetria delle due mani e il dito anulare piu’ lungo, si traducono nell’uomo in una maggiore fertilita’. Mentre le donne piu’ feconde hanno l’indice piu’ lungo. E non e’ tutto: un’altra ricerca svela che i ragazzi con il dito anulare piu’ corto sono anche piu’ a rischio di attacchi cardiaci nei primi anni dell’eta’ adulta. Anche in questo caso la ‘colpa’ sarebbe dei livelli di testosterone. Ora il team di scienziati sta rivolgendo le sue attenzioni ai giocatori di hockey, per una ‘prova del nove’: si cerca una relazione tra la lunghezza delle dita e la ‘collezione’ di ammonizioni ricevute per gioco scorretto e falli. (Chs/Adnkronos Salute)

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

0 thoughts on “

  1. grazie per la mimosa patti. Adesso si spiega perche sono cosi aggressiva 🙂 Mh…..porca paletta :-p

  2. PATTTTTTTTTTTTTI,ma lo sai che la tua è l’unica mimosa che ho ricevuto???????Sarà che per davvero si sta ridimensionando l’idea di festa della donna??????GRASSSSSSSSSIE

  3. ciao patt grazie per il pensiero (ma l’anno prossimo per quanto mi riguarda puoi risparmiarti le mimose: sono sopravvalutate e… puzzano!!)

    splash!

  4. Cara Sirenetta, per quanto mi riguarda, non devi aspettare il prossimo anno, dato che quello che ti ho lasciato per te è sopravvalutato e puzza, puoi cancellarlo. ciao*

  5. ecco, lo sapevo, sono la solita incontinente verbale… non ti volevo offendere!

    ti assicuro che ho apprezzato il tuo gesto gentile e il pensiero che lo ha stimolato…

    è solo che mi inka##o quando vedo quello in cui la giornata della donna è stata trasformata (stessa cosa per natale pasqua s. valentino e via dicendo…): rende bene l’idea di ciò che penso il commento di lam al post di alp… io tendo ad essere eccessivamente sintetica e a volte acida come un broccolo avariato.

    accidenti alla mia linguaccia impertinente.

    splash!

  6. Sirenetta, in questo caso, sei stata sintetica e superficiale, perché bastava che venivi a leggerti il post che ho inserito ieri, per renderti conto il senso del mio gesto. Per me la mimosa dell’8 marzo, ha un altro significato e non è quello “commerciale”.

  7. hai ragione pat … adesso accetta le mie umili scuse… col capo cosparso di cenere!

    splash!

  8. “Spezzo una mimosa” a favore della Sirenetta

    – anche se non sono proprio sicura che ne sarà poi così contenta 🙂 –

    La cosa veramente importante, per lei, per me, penso per tutte…,

    non è il gesto, che anche questo è banalizzato e commercializzato, ma l’intenzione…

    questo detto in generale… ed è riferito solo a chi regala un mazzolino di mimose solo perchè è il giorno giusto, come c’è il giorno giusto per regalare baci perugina o stelle di natale…

    di cui lei, io, penso tutte, facciamo volentieri a meno…

    e non penso minimamente sia il tuo caso!

    (dico bene?)

    🙂

  9. Anche per me la mimosa dell’8 marzo ha il significato che le hai dato tu, Patt. E qui il discorso sarebbe troppo lungo… La festa dell’8 marzo ha un significato molto profondo ed ha ancora un senso, eccome se ce l’ha… Comunque ancora grazie per il tuo post sull’8 marzo e per le mimose che io adoro: mi mettono allegria, sanno di primavera, hanno il sapore del sole, hanno la luce dentro,…

    P.S. Ora vado a scuola, a controllare la lunghezza delle dita dei miei bambini;-)

    Buona giornata, Patt e un super-bacione-one*

Lascia un commento