Software di Facebook per avvisare gli utenti quando stanno per postare foto private

Gli utenti di Facebook tra non molto nel momento di caricare le foto sulla piattaforma riceveranno l’avviso se si è davvero sicuri di procedere. Ciò sarà possibile grazie alla nuova tecnologia d’intelligenza artificiale (AI) che la società sta elaborando nel suo software di riconoscimento delle immagini.
Facebook all’inizio di questo mese dopo aver annunciato i nuovi sviluppi nella tecnologia d’intelligenza artificiale (AI) per il riconoscimento delle immagini, ha confermato che il software in elaborazione sarà in grado di avvisare gli utenti quando sono in procinto di caricare una foto che non dovrebbe rendere pubblica. La tecnologia, per esempio, quando si è sul punto di postare le foto che possono includere contenuti nudi o immagini di bambini, avvisa l’utente che può prendere la decisione o meno di completare l’invio.
JayParikh vicepresidente del Global Engineering and Infrastructure di Facebook, insieme al comico irlandese Dara Ó Briain, parlando a un evento di Facebook a Londra la scorsa notte, ha spiegato:
«Se ho postato una foto dei miei bambini che giocano al parco e accidentalmente l’ho condivisa con il pubblico, questo sistema potrebbe dire ehi aspetta un attimo, questa foto è dei tuoi figli […]. Normalmente è visibile solo ai tuoi familiari. Sei sicuro di volerlo fare?».
Dara Ó Briain rivolto a Yay Parikh scherzosamente ha chiesto:
«La mia perenne paura di pubblicare accidentalmente una fotografia del mio pene potrebbe essere impedita da questo software? Mi permetterebbe di dormire tranquillo la notte?». Al che Parikh ha risposto: “Sì”.
Jay Parikh ha aggiunto che il software in fase demo non è ancora stato integrato con Facebook, la società per aiutare le persone a capire il mondo che li circonda,  sta investendo in AI, in particolare in un campo chiamato apprendimento profondo.
Facebook nel mese di giugno di quest’anno a Parigi ha aperto un laboratorio di ricerca d’intelligenza artificiale, in aggiunta agli attuali team di sviluppo dell’intelligenza artificiale nella Silicon Valley e New York. La filiale francese ha il compito di progetti a lungo termine in materia di riconoscimento delle immagini, elaborazione del linguaggio naturale, il riconoscimento vocale e delle infrastrutture fisiche e logiche richieste da questi sistemi.

Polemica
Facebook è una delle numerose grandi aziende tecnologiche che investono pesantemente nel controverso campo dell’intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale ha il potenziale per migliorare notevolmente prodotti e servizi come Facebook ma gli scienziati come Stephen Hawking ed Elon Musk hanno avvertito che le super-macchine intelligenti potrebbero rappresentare una minaccia per l’esistenza stessa dell’umanità.
I capi di diverse aziende, tra cui Google DeepMind, nei primi mesi del 2016 s’incontreranno a New York per discutere le implicazioni etiche di sviluppo di software IA.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →