1913 – Foto a colori di Christina sulla spiaggia in costume da bagno rosso (foto)

Mervyn O’Gorman aveva quarantadue anni quando sulla spiaggia di Lulworth Cove, nella contea inglese del Dorset ha scattato una serie di foto di sua figlia, Christina O’Gorman in costume da bagno rosso (clicca l’immagine per vedere altre foto).

1913 -  Foto a colori di Christina O'Gorman in costume da bagno rosso
La scelta del colore rosso era particolarmente adatta al processo Autochrome, un procedimento di fotografia a colori basato sulla sintesi additiva, è stato una delle prime tecnologie per foto a colori, utilizzava piastre di vetro rivestite di piccolissimi filtri costituiti da granelli di fecola di patate colorati in verde, blu-violetto e arancione. I granelli erano stesi su un supporto di vetro in uno strato sottilissimo, in modo che non si sovrapponessero, ma risultassero giustapposti. Gli interstizi erano poi riempiti con nerofumo. Sullo strato di granelli di fecola era poi stesa un’emulsione fotografica in bianco e nero.

L’hobby fotografico di Mervyn O’Gorman
Mervyn O’Gorman (o “OG” come affettuosamente era chiamato dai suoi amici) conosciuto come uno dei più grandi ingegneri aeronautici britannici, durante la prima guerra mondiale è stato a capo della Royal Aircraft Establishment a Farnborough. E’ stato anche un pioniere dell’automobilismo, nel 1904 ha scritto un libro tascabile “O’Gorman Motoring“, ha partecipato attivamente al Royal Automobile Club, divenendone vicepresidente. Ha inoltre svolto un ruolo chiave nell’introduzione del codice della strada.
Eppure l’hobby di O’Gorman era la fotografia. Ha scattato le immagini di sua figlia nel 1913.
Mervyn O’Gorman era vedovo quando morì nel marzo 1958, sua moglie Florence Rasch (vedi foto – picnic sulla spiaggia insieme alle sue figlie), era morta 27 anni prima, nel 1931. Non ci sono dettagli registrati per quanto riguarda la vita di Christina.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →