Sopprimere l’odio con gentilezza, un uomo di colore ha convinto 200 razzisti ad abbandonare il Ku Klux Klan (video)

Daryl Davis, 58 anni, musicista blues, e autore, dai primi anni ’80 attivamente ha viaggiato in tutti gli Stati Uniti alla ricerca di amicizia con i membri dell’organizzazione apertamente razzista del Ku Klux Klan (il culto di supremazia bianca fondato nel 1865, i suoi membri perseguitano le persone per il colore della loro pelle o il loro credo religioso).
Daryl Davis è in lotta contro l’odio da quando era giovane, ha deciso di confrontarsi frontalmente uno per volta con i membri dell’ideologia del Ku Klux Klan, da allora ha documentato la sua incredibile missione nel libro “Relazioni Klan-Destine: Odissea di un uomo nero nel Ku Klux Klan” (il prossimo anno è in ristampa con una versione aggiornata). Nato a Chicago, ha anche trovato il tempo per una carriera da musicista a fianco di artisti del calibro di Elvis Presley, Jordanaires, The Platters, The Drifters, Jerry Lee Lewis, Chuck Berry. Ha suonato con l’ex presidente Bill Clinton, tra i suoi amici il leggendario Muddy Waters. Daryl Davis ha detto:
«La musica ha giocato un ruolo enorme nel colmare molte lacune nelle divisioni razziali che ho incontrato, una volta, mentre stavo suonando in un locale prevalentemente bianco, durante la pausa un uomo bianco si avvicinò, mi cinse con un braccio, dicendomi: “Questa è la prima volta che io abbia mai sentito un uomo di colore suonare il piano come Jerry Lee Lewis“.
L’ho prontamente illuminato sull’origine della musica di Jerry Lee, dicendogli che aveva imparato da musicisti neri lo stile musicale blues per pianoforte boogie-woogie. Non mi credeva, nonostante il fatto di avergli spiegato che a dirmelo era stato proprio Jerry Lee un mio amico. L’uomo era affascinato dall’idea che un nero come me era in grado di suonare in quel modo. Era curioso e voleva sapere più cose, poi mi rivelò di essere un membro del Ku Klux Klan. Nel corso del tempo, siamo diventati amici, ha lasciato il Ku Klux Klan.
Non sono mai impreparato alla violenza, ogni membro con cui mi confronto potenzialmente potrebbe essere qualcuno che vorrebbe farmi del male. In rari casi, uno di loro è finito in ospedale, l’altro in carcere. Ci sono stati alcuni episodi in cui sono stato minacciato, in un paio di casi ho dovuto lottare fisicamente, per fortuna, ho vinto in entrambi i casi. Situazione che accadono di tanto in tanto, c’è da aspettarselo perché bisogna avere a che fare con qualcuno che ti odia e vuole essere violento solo per il colore della tua pelle.
Alcuni sono assolutamente disgustosi quando vedono una persona di colore e vogliono fargli del male. Alla base, sebbene inizialmente non lo ammettano, esprimono la superiorità, per elevarsi vogliono farti sentire inferiore, devono spingere qualcun altro in basso.
Un incontro che avrebbe potuto finire in violenza è stato quando ho incontrato Roger Kelly il Gran Dragone del Maryland (l’invisibile impero del Ku Klux Klan si divide in vari “Regni” retti ognuno da un “Gran Dragone“).
Sono ben preparato sull’argomento, ho letto quasi tutti i libri scritti sul Ku Klux Klan. In realtà sulla loro organizzazione conosco più io che la maggior parte dei membri. La conoscenza, intelligenza, e il modo in cui diffondere queste caratteristiche, spesso è l’arma più disarmante contro la loro ideologia. Mi era stato detto da qualcuno che lo conosceva molto bene, che Roger Kelly mi avrebbe ucciso. Ero fiducioso, disarmato avrei prevalso, per fortuna è andata così,  il ramo Ku Klux Klan in Maryland oggi è inesistente, è meraviglioso quando mi chiamano per dirmi che hanno smesso. Non ho mai deciso di convertire nessuno nel Ku Klux Klan, chiedo solo una risposta alla mia domanda: “Come puoi odiarmi quando nemmeno mi conosci?”.
Semplicemente a loro ho dato la possibilità di conoscermi e trattarli come voglio essere trattato. Arrivano alla conclusione che l’deologia del Ku Klux Klan non è più per loro. Sono molto felice che un po’ di positività sia frutto dei miei incontri e amicizie con loro.

Ho viaggiato molto da bambino con i miei genitori impiegati nel Foreign Services (la missione diplomatica per promuovere la pace, sostenere la prosperità, proteggere i cittadini americani e sostenere gli interessi degli Stati Uniti all’estero), l’esperienza di diverse culture mi ha aiutato a vedere quanto fosse estranea l’idea di razzismo. Resto perplesso sul motivo per cui le persone giudicano gli altri per il loro colore della pelle, è un concetto molto strano per me, al riguardo trovo pertinente la citazione dell’autore americano Mark Twain:
“Il viaggio è fatale per i pregiuzi, il bigottismo e la ristrettezza mentale. L’ampiezza di vedute e l’elasticità di pensiero non possono essere acquisite vegetando per l’intera esistenza in un unico piccolo angolo del mondo”.
In conclusione voglio evidenziare che oggi l’America probabilmente è meno razzista di quanto non fosse in passato, ogni giorno continuo a svolgere la mia missione: in Israele l’ebreo è contro il palestinese, in Libano il cristiano è contro il musulmano, in Iraq il musulmano sunnista è contro il musulmano sciita. In alcuni paesi africani, il conflitto è tribale. In India, vediamo un sistema di caste in base alla tonalità di colore della pelle e il classicismo.
Negli Stati Uniti c’è sempre stata una grande quantità di razzismo, tuttavia, dopo Obama è in calo, ciò che state vedendo adesso  è il razzismo di persone dormienti, dai sentimenti del nostro nuovo presidente eletto hanno ricevuto una nuova prospettiva di vita, celebrano la sua elezione. Voglio essere chiaro su questo punto, molti di loro hanno votato Trump, ciò non significa che tutti quelli che l’hanno votato è un razzista, conosco molte persone che hanno votato per lui, ma non sono razzisti».

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...