Mosul dopo la liberazione dall’Isis festeggia la fine del Ramadan con il calcio e le sigarette

Le forze irachene e l’Isis mentre si davano battaglia nei vicoli della vecchia città accanto all’Eufrate, in altre parti della città la fine del Ramadan era celebrato da migliaia di persone, in quella che è considerato un giorno molto speciale.
Eid al Fitr 2017 (l’inizio di un mese di festeggiamenti) a Mosul, dalla tormentata popolazione sarà ricordato come un giorno di libertà, il primo dopo tre anni di governo dispotico dell’Isis (Stato islamico), permetteva solo le preghiere ma non i festeggiamenti.
I bambini felici si sono divertiti con le giostre, mentre i loro padri e fratelli seduti al bar in compagnia di amici oltre a passarsi una tradizionale shisha (così prevede l’usanza) sorseggiando tè alla menta, senza rischiare la pena di morte perché era vietato dalla teologia estrema dell’Isis, tranquillamente hanno fumato le sigarette e visto le partite di calcio.
Mosul nell’estate del 2014 è stata occupata dall’Isis, ha imposto una rigida interpretazione dell’Islam in tutti i territori occupati. I civili che non hanno rispettato le rigide regole del gruppo sono stati sottoposti a flagellazione, ma anche a decapitazione e lapidazione. Sotto il loro dominio, sono stati banditi internet e cellulari, il semplice atto di ascoltare musica, fumare una sigaretta, potrebbe costare la vita. Le donne sono state costrette a coprire i loro corpi e volti, le minoranze religiose sono duramente perseguitate.
Le persone accusate di adulterio e quelle sospettate di essere omosessuali sono state gettate dagli edifici, le donne adultere sono state lapidate a morte. Esecuzioni effettuate in pubblico per intimidire la popolazione, anche l’amputazione delle mani di persone sorprese a rubare nella città assediata, dove le forniture di cibo e carburante scarseggiano.
I militanti della versione estrema dell’Islam, che ha associato i giocattoli con una faccia, come le bambole, con l’idolatria, hanno spinto i giovani a istruirsi sulle armi, cambiando i loro libri di testo per riflettere la loro ideologia militare. I bambini sono stati invitati a fare esercizi di matematica sommando bombe o proiettili.

Battaglia per Mosul
L’esercito iracheno, il governo della regione del Kurdistan e una coalizione guidata dagli Stati Uniti sono coinvolti in quella che è conosciuta come la “Battaglia per Mosul“, un’offensiva militare congiunta iniziata nel mese di ottobre 2016 per riprendere il controllo della città assediata. L’esercito nel mese di gennaio ha ripreso la parte orientale di Mosul, ora sta combattendo per riprendere il controllo della parte occidentale della città.
Le truppe continuano ad avanzare, gli analisti ritengono che l’Isis per evitare l’umiliazione recentemente nel mese di giugno ha fatto saltare in aria l’iconica moschea di Al Nouri, in Mosul dove nel 2014 dichiarò ufficialmente la nascita del Califfato.
Le Nazioni Unite hanno detto che almeno 750.000 persone sono fuggite da quando sono iniziate le manovre per riconquistare Mosul; dai primi di maggio mentre i militari si sono avvicinati al centro storico di Mosul, altre 200.000 persone sono state sfollate a causa del conflitto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Tags: