Materiale biodegradabile prodotto con cibo di scarto per eliminare la plastica

Legate al cibo, tre sono le verità più scomode per le persone rispettose dell’ambiente: spreco di cibo, troppe confezioni fornite con il cibo, le confezioni sono fatte per durare secoli. Ora c’è solo una risposta ai tre problemi: utilizzare il cibo in eccesso per creare imballaggi.
Imprenditori e ricercatori stanno lavorando per trasformare gli alimenti come funghi, alghe, latte e bucce di pomodoro in imballaggi commestibili (anche se non sempre appetibili), per sostituire la plastica, rivestimenti e altri materiali per l’imballaggio.
L’industria alimentare e delle bevande è alla ricerca di contenitori biodegradabili, recentemente Nestlé Waters e Danone hanno annunciato un progetto congiunto per produrre bottiglie d’acqua dal legno e di entrare nel crescente sforzo da parte di governi, ristoratori e consumatori per ridurre i rifiuti che contribuiscono alle emissioni di gas serra che avvolgono il pianeta.
Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, per esempio, sta dando un nuovo significato al concetto di pizza con formaggio extra: un team del suo laboratorio di ricerca in Wyndmoor (Pennsylvania), ha sviluppato un materiale dalla proteina del latte, può essere utilizzato per i contenitori per la pizza, per imballare il formaggio o creare confezioni di minestra solubile che possono essere immerse direttamente in acqua calda.
Peggy Tomasula, del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, responsabile di ricerca, ingegnere chimico, ha detto: «Il prodotto potrebbe anche servire come un sostituto per lo zucchero utilizzato per i cereali, anche se per alcune applicazioni può essere antieconomico».
La Merck Forest and Farmland Center, gruppo ambientalista americano senza scopo di lucro a Rupert (Vermont), si sostiene con la vendita di sciroppo d’acero, ha risolto un suo dilemma. Tom Ward, ex direttore esecutivo del centro, facendo riferimento ai contenitori e pellet di schiuma utilizzati per spedire gli ordini, ha detto:
«Stavamo sostenendo grandi spese per produrre lo sciroppo d’acero, ottenere la certificazione biologica e il trasporto di tanta plastica, tutto ciò sembrava insensato.
Il gruppo ambientalista da due anni invia il suo sciroppo in bottiglie di vetro contenute in culle stampate con materiale prodotto con i funghi, si può disgregare e spargere come composto intorno ai cespugli di rose. In termini di prodotti sostenibili penso che quello che stiamo facendo dall’inizio alla fine è un microcosmo di ciò che sta arrivando».

Imballaggi a base di funghi
Gli imballaggi a base di funghi è l’invenzione di Ecovative, una società di progettazione a Green Island, New York, fondata da Eben Bayer, ha detto:
«Ho studiato ingegneria meccanica, mentre lavoravo sulle turbine, non potevo dimenticare quello che da bambino ho visto mentre crescevo in una fattoria del Vermont. La biologia è davvero la migliore tecnologia disponibile, abbiamo iniziato a pensare alle cellule vive come macchine viventi.
Il prodotto Ecovative è realizzato con il micelio (l’apparato vegetativo dei funghi) può essere impiegato come supercollante alla base di nuovi materiali ecologici e performativi, impiegati nel settore degli imballaggi come sostitutivo del polistirolo. E’ un materiale leggero e poroso al suo interno, ottimo per assorbire eventuali colpi durante il trasporto e proteggere al meglio il prodotto contenuto.
Impiegato come sottoprodotto del legno, è identico al compensato ma il micelio utilizzato come collante, lo rende assente da emissioni di formaldeide e non tossico».

Finanziamenti per sviluppare imballaggi dal cibo
I governi negli ultimi anni hanno finanziato progetti per sviluppare imballaggi dal cibo di scarto. L’Unione europea, per il periodo 2011-2015 ha sottoscritto un progetto per sviluppare rivestimenti con proteine di siero e patate, stima che ogni anno il mercato globale per le cosiddette bioplastiche è in crescita di ben il 30 per cento. Portare i prodotti al mercato, tuttavia, è una sfida. Il Dipartimento Agricoltura, per esempio, per più di dieci anni ha cercato di creare l’interesse per un prodotto a base di proteine del latte, ma non ha trovato acquirenti. Peggy Tomasula ha aggiunto:
«I costi e la sensibilità all’umidità all’inizio hanno reso difficoltosa la vendita. Le pellicole commestibili iniziavano a essere disponibili ma allora i rifiuti alimentari e la sicurezza alimentare non erano grandi temi, nessuno davvero sembrava accorgersi di loro».
Le grandi aziende come PepsiCo e Nestlé oggi sono più interessate di quanto lo erano anni fa, stimolate dai consumatori sempre più consapevoli del cibo che mangiano e del suo imballaggio che può danneggiare l’ambiente.

Ricercatori italiani per il rivestimento interno di barattoli metallici hanno sostituito il bisfenolo A con materiale prodotto dalle bucce di pomodoro
Il gruppo di ricercatori italiani per la sicurezza alimentare ha sviluppato un rivestimento per le lattine, chiamato Biocopac mira a sostituire il BPA o bisfenolo A, che è utilizzato nei rivestimenti per lattine e bottiglie che contengono alimenti e bevande. Piccole quantità di BPA possono migrare negli alimenti, sollevando preoccupazioni tra alcuni consumatori e sostenitori della salute, nonostante le assicurazioni di Agenzie di regolamentazione americane ed europee. Angela Montanari, capo degli imballaggi presso la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari di Parma ha detto:
«Abbiamo estratto un polimero naturale dalle bucce di pomodoro, con questo produciamo una lacca per proteggere gli alimenti confezionati in barattoli di metallo, può essere utilizzato per il confezionamento di tutti i tipi di alimenti come pomodori, piselli, carne, pesce».
Il progetto sottoscritto dall’Unione Europea, è in fase avanzata, coinvolge una grande azienda agricola italiana a conduzione familiare, un importante robot da cucina italiana, un produttore di rivestimenti industriali. Il gruppo per il rivestimento sta costruendo un impianto pilota a Mantova.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...