Mandare via Pallotta? Chi proponete al suo posto?

E’ chiaro che siamo tifosi che hanno a cuore le sorti della Roma, possiamo tranquillamente dire la nostra anche se con punti di vista differenti.
Voglio indicare questo dato per evidenziare quanto poco interesse economico muove Roma, la nostra città attira investimenti stranieri per 200 milioni, Milano attira investimenti stranieri per 3,2 miliardi di euro.
Sognare l’arrivo di uno sceicco come Al-Khelaifi a Roma non è possibile, a lui frega niente della squadra di calcio è stato attirato da Platinì a investire sul Psg (per avere una squadra francese a livello di grandi club), in cambio, dal governo francese ha ricevuto grandi opportunità per le sue attività commerciali, facilitate da agevolazioni fiscali ecc.
Mettere da parte Pallotta per me non ha senso, dove lo trovi in questo momento un grande investitore straniero disposto a prendere la Roma? Incredibile ma vero in cinque anni il presidente della Roma Pallotta a livello istituzionale ha conosciuto quattro sindaci: Alemanno, Marino, Tronca (Commissario Straordinario che non l’ha ricevuto) e adesso la Raggi con il suo assessore all’urbanistica Berdini che addirittura (roba da pazzi) ha messo in discussione i diritti giuridici acquisiti sulla pubblica utilità del Nuovo Stadio della Roma.
La realtà della città di Roma attualmente non permette di sognare l’arrivo di un grande investitore, nessuno senza garanzie è pazzo a buttare i suoi soldi a fondo perduto in una città precaria, ridotta al lastrico dalla cattiva politica.
Pallotta ha accettato di acquistare la Roma nella convinzione di costruire lo Stadio che è alla base della crescita della società.
Pallotta per me è il punto di non ritorno (le vicende di Mafia Capitale sono su tutti i giornali di tutto il mondo, soprattutto quelli finanziari), se fallisce, sarà difficile poter sperare in altri investitori stranieri (da ste’ parti gira gente come Lotito), sicuramente si rivolgeranno altrove per esempio a Milano, dove il nuovo sindaco Sala appena insediato si è affrettato a fare gli onori di casa a Zhang Jindong l’investitore cinese che ha acquistato l’Inter, prospettandogli per le sue attività, favorevoli condizioni socio-economiche che Milano, a differenza di Roma è in grado di offrire agli investitori stranieri.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...