La razza umana entro il 2050 potrebbe cessare di esistere o diventare immortale

La razza umana secondo la ricerca sul futuro dell’intelligenza artificiale (AI), potrebbe svanire nel corso della nostra vita, la buona notizia arriva da Jeff Nesbit, ex direttore degli affari legislativi e pubblici della National Science Foundation, autore di più di 24 libri, ha esaminato l’ultimo pensiero sulle capacità AI, ha concluso che entro il 2050 la razza umana potrebbe cessare di esistere o diventare immortale.  Basandosi sulla teoria nota come ASI o “Super intelligenza artificiale“, ha affermato che l’AI si evolverà in un supercomputer in grado di imparare così rapidamente da superare l’intelligenza umana e risolvere tutti i problemi.

Teorie positive e negative sull’intelligenza artificiale
Ray Kurzweil, inventore e direttore del reparto Ingegneria a Google, un uomo le cui previsioni, dal 1990 a oggi, si sono rivelate esatte nell’86% dei casi (e il restante – tiene a precisare – non è sbagliato, deve soltanto ancora avvenire), ci implora di non temere l’intelligenza artificiale, indicando invece le minacce più antiche e più pressanti come il bioterrorismo o la guerra nucleare. Sostiene che le capacità mentali saranno rafforzate dall’AI, sottolineando che diminuiranno i tassi globali di violenza, guerra e omicidio. Inoltre afferma che l’AI tra gli altri benefici per la società  svilupperà risorse energetiche rinnovabili, contribuirà a trovare cure per malattie e disabili
Ray Kurzweil ha sottolineato che abbiamo appena il tempo sufficiente per “inventare standard etici” perché il 2029 sarà l’anno in cui l’intelligenza artificiale raggiungerà il livello di quella umana, l’anno in cui uomini e macchine si fonderanno per dare vita a uomini efficienti quanto le macchine, a macchine umane quanto le persone.

Rollo Carpenter, creatore del software Cleverbot, ha ottenuto punteggi elevati nel test Turing (un metodo di verifica dell’intelligenza artificiale), vale a dire che molte persone nel comunicare con Cleverbot hanno scambiato per un assistente umano, ha spiegato che la capacità di sviluppare algoritmi necessari per ottenere la piena intelligenza artificiale, avrà ancora bisogno di qualche decennio. Ha spiegato che ora non possiamo sapere cosa succederà quando una macchina supererà la nostra intelligenza, quindi non possiamo sapere se saremo aiutati, ignorati, messi in fuga o presumibilmente distrutti.

Elon Musk imprenditore miliardario, pioniere del denaro digitale e delle automobili elettriche, parlando all’AeroAstro Centennial Symposium presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT), ha fatto le seguenti osservazioni:
«Se dovessi indovinare qual è la nostra più grande minaccia esistenziale, probabilmente è l’intelligenza artificiale, quindi dobbiamo stare molto attenti. Le intelligenze artificiali sono la più grande minaccia per la sopravvivenza della nostra razza. Affidarsi ai computer è come invocare il demonio».
Elon Musk e il professor Stephen Hawking in una lettera aperta del 2015, hanno scritto che l’idea dell’AI potrebbe consentire lo sviluppo di armi autonome, potrebbero rivoluzionare la guerra e non al meglio.
Le armi autonome sono ideali per compiti come assassini, destabilizzazione delle nazioni, sottomissione delle popolazioni e uccisione selettiva di un determinato gruppo etnico.
L’avvio di una razza militare di armi AI è una cattiva idea, dovrebbe essere impedita dal divieto di armi autonome offensive senza il rilevante controllo umano.
Stephen Hawking in grado di comunicare tramite una tecnologia che utilizza una forma di base di AI, alla BBC ha fatto una previsione non tanto allegra:
«Lo sviluppo di una piena intelligenza artificiale potrebbe determinare la fine della razza umana, considero il potenziale pericolo dell’ASI, l’AI potrebbe decollare da sola e ricostruirsi a un tasso sempre crescente. Gli esseri umani, limitati dalla lenta evoluzione biologica, non potranno competere, saranno soppiantati».
Tutti concordano su una previsione, nei prossimi trent’anni, un supercomputer replicherà il cervello umano e si evolverà in super intelligenza o ASI.

Tim Urban, gestisce il blog Wait But Why, delinea il futuro:
«Mentre la maggior parte degli scienziati che ho incontrato riconosce che l’ASI avrebbe la capacità di mandare gli esseri umani all’estinzione, altri credono anche che utilizzata bene, nel suo insieme porterà all’immortalità della specie».

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...