I motori di ricerca stanno imparando a chattare nella propria lingua

Igor Mordatch sta lavorando per costruire macchine in grado di portare avanti una conversazione, anche altre persone sono impegnate con questo progetto. Chatbot nella Silicon Valley, ora è una parola d’ordine, per Mordatch è diverso, non è un linguista, non si occupa delle tecniche d’intelligenza artificiale. E’ un roboticista che ha iniziato la sua carriera come animatore. Ha trascorso il tempo alla Pixar e ha lavorato su Toy Story 3, in parte come un accademico in luoghi come Stanford e l’Università di Washington, dove ha insegnato ai robot a muoversi come gli esseri umani. Ha detto: «Sono stato sempre interessato a creare il movimento da zero».
Igor Mordatch trentunenne nato in Ucraina e cresciuto a Toronto, ora è un ricercatore ospite di OpenAI, il laboratorio d’intelligenza artificiale avviato da Sam Altman (presidente dell’acceleratore Y Combinator) e da Elon Musk conosciuto soprattutto per aver creato la Space Exploration Technologies Corporation SpaceX, di cui è amministratore delegato e CTO, e la Tesla Motors, di cui è chairman e CEO. Inoltre è presidente di SolarCity e ha cofondato PayPal. Ha inoltre proposto un sistema di trasporto super veloce conosciuto come Hyperloop).
Igor Mordatch sta studiando un nuovo percorso di macchine in grado di dialogare non solo con gli esseri umani, ma anche tra loro. Sta costruendo mondi virtuali in cui il bot software impara a creare la propria lingua per necessità. Insieme ai suoi collaboratori, come specificato in un documento di ricerca pubblicato da OpenAI, ha creato un mondo in cui i bot hanno il compito di completare alcuni compiti, come quando si devono spostare in un particolare punto di riferimento, rappresentato in un mondo semplice, formato da un grande quadrato bianco a due dimensioni, dove i bot sono forme colorate composte da un cerchio verde, rosso o blu. Il punto di questo universo è più complesso, quando collaborando a vicenda permette ai bot di creare la propria lingua, aiutandosi per completare tale attività.

Apprendimento per rinforzo
Tutto avviene attraverso quello che è chiamato “apprendimento per rinforzo”, è la stessa tecnica fondamentale che ha sostenuto AlphaGo, la macchina sviluppata dal DeepMind IA di Google che ha vinto 5-0 contro un campione (umano) di Go, il gioco che da 2.500 anni è sinonimo di test d’intelligenza.
I bot in sostanza navigano il loro mondo attraverso tentativi estremi ed errori, tenendo accuratamente traccia di ciò che funziona o no per arrivare a un punto di riferimento, quando una particolare azione aiuta a raggiungere lo scopo, sanno che devono continuare a farla. In questo stesso modo, imparano a costruire la propria lingua per spiegare al proprio simile dove deve dirigersi per ottenere il risultato in modo più rapido.
I bot per costruire il loro linguaggio, per imparare come navigare nel mondo virtuale assegnano caratteri casuali e astratti a concetti semplici. Si assegnano i personaggi gli uni agli altri, in luoghi o oggetti nel mondo virtuale, con azioni come “andare” o “guardare”. Mordatch e i suoi colleghi sperano che, quando le lingue bot diventeranno più complesse, le relative tecniche potranno poi essere tradotte in lingue come l’inglese: come un elemento pratico del software è un progetto ancora lontano ma un altro ricercatore di OpenAI sta già lavorando su questo tipo di “traduttore Bot“.
Mordatch in ultima analisi, ha detto che questi metodi possono dare alle macchine una comprensione più profonda del linguaggio, mostrare loro il motivo per cui esistono, la lingua fornisce un trampolino di lancio per le conversazioni video, un’interfaccia computer che gli informatici hanno a lungo sognato ma mai effettivamente realizzato.
I nuovi metodi sono un allontanamento significativo dalla maggior parte delle più recenti ricerche di Intelligenza Artificiale legate al linguaggio. Oggi, i migliori ricercatori esplorando metodi che cercano di imitare il linguaggio umano, non creano un nuovo linguaggio, un esempio è il lavoro incentrato sulle reti neurali profonde. Negli ultimi anni, queste profonde reti neurali – complessi sistemi matematici in grado di apprendere compiti trovando modelli in vaste quantità di dati -, hanno dimostrato di essere un modo efficace di riconoscere oggetti nelle foto, identificare i comandi vocali in smartphone, e altro ancora. Ora, i ricercatori di Google, Facebook e Microsoft stanno applicando metodi simili alla comprensione del linguaggio, finora con scarso successo hanno cercato di identificare i modelli in conversazione in inglese.
Mordatch e i suoi collaboratori, tra cui il professor Pieter Abbeel dell’Università della California, Berkeley, ricercatore di OpenAI, sono partiti da un luogo completamente diverso, nel documento hanno scritto che interagire in modo intelligente con gli esseri umani, semplicemente catturando i modelli statistici non è sufficiente perché il modello interprete possiede una comprensione del linguaggio quando lo può utilizzare (insieme con altri strumenti quali la comunicazione non verbale o atti fisici) per raggiungere gli obiettivi del suo ambiente.

Linguaggio umano, stessa dinamica per i bot
Il linguaggio per i primi esseri umani è venuto dalla necessità, hanno imparato a comunicare, perché li ha aiutati a fare altre cose, ha dato loro un vantaggio sugli animali. I ricercatori di OpenAI vogliono creare la stessa dinamica per i bot, nel loro mondo virtuale, non solo devono imparare la propria lingua, ma usare anche semplici gesti e azioni per comunicare una particolare direzione, per esempio, guidare l’un l’altro da un posto all’altro, proprio come fanno i bambini. Anche questo è il linguaggio, o almeno un percorso per la lingua.
Il progetto di Mordatch dimostra che l’analisi di grandi quantità di dati non è l’unica strada. I sistemi possono anche imparare attraverso le proprie azioni, in definitiva possono fornire diversi vantaggi. Altri ricercatori di OpenAI, in parte hanno la stessa idea quando hanno svelato un mondo virtuale molto più grande e più complesso chiamato Universe, un luogo dove i bot possono imparare a utilizzare le applicazioni software più comuni, come un browser web. Ciò avviene anche attraverso una forma di “apprendimento per rinforzo”, per Ilya Sutskever, uno dei fondatori di OpenAI, la disposizione è ancora un altro percorso di comprensione del linguaggio: l’intelligenza artificiale può navigare in internet se capisce il modo naturale di parlare degli esseri umani. Microsoft nel frattempo sta affrontando la lingua attraverso altre forme di “apprendimento per rinforzo”, i ricercatori della Stanford stanno esplorando i propri metodi che comportano la collaborazione tra bot.
Il successo alla fine probabilmente verrà da una combinazione di tecniche, non solo da una. Mordatch propone un’altra tecnica, dove i bot non solo imparano a chattare ma a parlare nella loro lingua, come hanno mostrato gli esseri umani, è una potente idea.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...