Greenpeace accordo storico con il più grande produttore di tonno per metodi di pesca sostenibili

Thai Union Group PCL, una delle più grandi aziende al mondo nel settore dell’industria ittica ha annunciato il suo impegno ad adottare misure volte a combattere la pesca eccessiva e illegale, e a migliorare le risorse di sostentamento di centinaia di migliaia di lavoratori in tutte le catene di distribuzione dell’azienda.
I nuovi impegni di Thai Union Group PCL si basano sulla sua strategia di sostenibilità SeaChange®, compresi gli sforzi per le migliori pratiche di pesca, migliorare le altre attività di pesca, ridurre le pratiche illegali e non etiche nelle catene di approvvigionamento globali e portare nei mercati chiave più tonno catturato in modo responsabile.

L’annuncio in seguito a una campagna globale di Greenpeace
Bunny McDiarmid direttore esecutivo internazionale di Greenpeace ha detto:
«L’accordo segna enormi progressi per i nostri oceani e la vita marina, per i diritti delle persone che lavorano nel settore ittico. L’adozione di queste riforme da parte di Thai Union Group PCL, eserciterà pressione sugli altri operatori del settore per adottare pratiche simili».

 Thai Union Group PCL ha accettato un pacchetto completo di riforme, compresi gli impegni per:

  • ridurre il numero di dispositivi di aggregazione dei pesci (FAD) utilizzati a livello mondiale nelle sue catene di approvvigionamento, in media del 50% entro il 2020, raddoppiando la quantità di pesce FAD verificabile disponibile nei mercati globali nello stesso periodo. Le FAD sono strutture artificiali galleggianti usate per attirare i tonni. Il problema è che possono portare alla cattura di altre specie marine, tra cui squali, tartarughe e tonno giovanile;
  • estendere la sua attuale moratoria sul trasbordo in mare attraverso tutta la catena di approvvigionamento globale sempre che non siano soddisfatte nuove condizioni rigorose da parte dei fornitori. Il trasbordo in mare del personale permette alle navi di continuare la pesca per mesi o anni alla volta, ha il potenziale di agevolare l’attività illegale;
  • garantire che gli osservatori indipendenti siano presenti su tutti i pescherecci impegnati per mesi in mare, per ispezionare e segnalare i potenziali abusi di manodopera;
  • sviluppare un codice di condotta globale per tutte le navi, sulle catene di approvvigionamento, la condotta del lavoro, per aiutare a garantire che i lavoratori in mare siano trattati in modo umanamente e giusto;
  • passare alla tracciabilità digitale completa, permettendo alle persone di rintracciare dove il tonno in scatola è stato pescato e identificare il metodo di pesca utilizzato.

Thiraphong Chansiri, CEO di Thai Union Group PCL, ha detto:
«Thai Union Group PCL tra le più grandi aziende di pesce nel mondo ha abbracciato pienamente il suo ruolo di leader per il positivo cambiamento, attende con impazienza di continuare a realizzare la propria strategia di sostenibilità SeaChange® (cambiamento epocale), rafforzata e migliorata dall’accordo congiunto con Greenpeace e dalla nostra visione comune per i mari sani e per le generazioni future».
GreenpeaceThai Union Group PCL hanno accettato di incontrarsi ogni sei mesi per valutare l’attuazione delle riforme e i progressi; un terzo soggetto indipendente al termine del 2018 valuterà i progressi aggiornati sugli impegni.
Bunny McDiarmid in conclusione ha detto:
«Thai Union Group PCL ha fissato un nuovo standard per l’industria dei frutti di mare per affrontare la pesca distruttiva, l’abuso del lavoro e le pratiche non etiche. Oggi è un grande giorno per le centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, desiderose che l’industria dei frutti di mare intraprenda un’azione più forte per eliminare questi problemi».

Thai Union Group PCL possiede marchi di tonno ben noti a livello mondiale, tra cui Chicken of the Sea (Stati Uniti), Mareblu (Italia), Petite Navire (Francia), John West (Gran Bretagna); quasi 700.000 persone in tutto il mondo hanno invitato Thai Union Group PCL a impegnarsi a vendere tonno più sostenibile ed etico.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...