Gli scienziati hanno scoperto che la vita a livello cellulare continua dopo la morte

La nuova ricerca suggerisce che le cellule all’interno del corpo umano, lottano per la vita, cercano di sopravvivere tentando di ripararsi dopo la morte. I risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Open Biology dimostrano che parti del corpo umano  vivono anche dopo l’avvenuta morte.
Peter Noble autore dello studio, sul sito Seeker, ha detto:
«Non tutte le cellule muoiono, quando un organismo è morto. Tipi di cellule differenti hanno diversa durata, tempi di generazione, e la resistenza allo stress estremo. E’ probabile che alcune cellule rimangano vive e tentano di ripararsi, in particolare le cellule staminali».

Segni di vita cellulare
Il team internazionale di scienziati guidati da Alex Pozhitkov, nello studio ha esaminato lo zebrafish (un pesce molto utilizzato nei laboratori) e topi, hanno concluso che il fenomeno accade in tutti gli animali, compresi gli esseri umani. E’ emerso che la trascrizione del gene (il primo passo di espressione genica, dove un segmento di DNA è copiato in RNA), associato allo stress, immunità, infiammazione, cancro e altri fattori, aumenta dopo la morte, potrebbe avvenire entro diverse ore o giorni, anche dopo che l’individuo nel suo complesso è stato dichiarato morto.
E’ interessante notare che nella trascrizione del gene (legata allo sviluppo embrionale) è come se le parti del corpo essenzialmente tornassero indietro nel tempo, esibendo le precoci caratteristiche cellulari dello sviluppo umano.

Il crepuscolo della morte
Il termine espressione genica, intende il processo attraverso cui l’informazione contenuta in un gene (costituita di DNA) è convertita in una macromolecola funzionale (tipicamente una proteina). Lo studio ha rivelato che in alcuni casi, l’espressione genica aumenta dopo la morte.
I ricercatori hanno identificato un “arresto graduale“, dopo la morte, dove alcune trascrizioni del gene diminuiscono, mentre altre aumentano. Gli scienziati mentre devono ancora definire i passaggi precisi, non ritengono casuale il processo, hanno scoperto che il primo passo di espressione genica è la trascrizione del gene, può avvenire fino a parecchi giorni dopo la morte. Peter Noble ha detto:
«La morte è un processo dipendente dal tempo, abbiamo focalizzato la nostra discussione di morte con riferimento al “tempo di post-mortem“, perché non vi è alcun motivo di sospettare che in un animale dopo alcuni minuti dalla sua morte, la trascrizione del gene è bruscamente interrotta. Sappiamo che entro diverse ore o giorni, il corpo dell’animale finirà per decomporsi da processi naturali, terminerà la trascrizione del gene, ma nella fase del crepuscolo della morte, quando avviene l’espressione genica, non tutte le cellule sono morte».
I ricercatori per anni hanno notato che i destinatari di donatori di organi, come il fegato, a seguito di un trapianto spesso mostrano un aumento del rischio di cancro. Gli autori indicano che ci potrebbe essere un collegamento tra il “crepuscolo della morte“, la trascrizione genica e l’aumento del rischio di cancro. I risultati, stabilita una tale connessione, potrebbero aiutare a spiegare il motivo per cui gli organi, donati da persone che prima della morte erano giovani e in perfetta salute, per esempio, decedute in un improvviso incidente, potrebbero ancora generare un aumento del rischio di cancro nella persona ricevente l’organo. Poiché la trascrizione del gene associato con il cancro e l’infiammazione può anche aumentare nella fase “post-mortem“, analizzando queste attività e modelli, si potrebbe far luce su come reagisce il corpo.
Gli scienziati in California, nel frattempo, hanno già creato il primo batterio “semi-sintetico” con Dna espanso, nel processo hanno usato l’Escherichia coli, il microrganismo più rappresentativo della flora microbica intestinale dell’uomo e di molti altri animali a sangue caldo. Di norma non causa patologie, tuttavia alcuni cloni hanno la capacità di causare malattie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...